Cerca

Android 13: focus su tablet, indossabili e multi-device alla Google I/O 2022

Tutti gli annunci portati sul palco da Google al suo annuale keynote, dall’intelligenza artificiale al nuovo sistema operativo, fino agli smart glass.


Nel corso del keynote di apertura della conferenza I/O 2022 Google ha parlato molto anche di Android 13, la prossima release del sistema operativo prevista per questo autunno. Se con le Developer Preview e la prima Beta abbiamo già avuto modo di osservare diverse novità, grandi e piccole ma prevalentemente tecniche, con questo evento abbiamo un senso più concreto della direzione generale che Google vuole intraprendere su tutto l'ecosistema.


Google ha ricapitolato le principali innovazioni che abbiamo visto nelle precedenti build, ma non le ripeteremo qui; vi alleghiamo l'articolo qui sotto, che è l'hub centrale con il riassunto completo di ogni funzione e articolo. Di seguito elenchiamo le informazioni completamente inedite.

  • Messaggi Google: Cifratura end-to-end anche per le chat di gruppo. Google ha raccontato quanto si stia impegnando con gli operatori per la diffusione del protocollo RCS, già noto da anni e sostanzialmente l'erede degli SMS; la società dice che sta crescendo velocemente, e che Messaggi già ora ha circa 500 milioni di utenti attivi al mese. L'app offre già ora la criptografia End-to-End nelle chat private singole, nei prossimi mesi arriveranno anche per i gruppi. Si tratterà di una Open Beta, almeno inizialmente.


  • Google Wallet tutto nuovo: in arrivo su Wear OS e documenti digitali. Google ha una visione molto ambiziosa del servizio, e punta a integrare badge degli hotel, chiavi, biglietti, boarding pass, carte fedeltà e molto altro ancora. Google dice che sta collaborando negli USA e all'estero per accelerare sull'adozione di carta d'identità e patente di guida digitali; le prime implementazioni concrete arriveranno entro la fine dell'anno. Per quanto riguarda Wear OS, inizialmente arriverà solo il supporto per le carte per pagamenti. Il nuovo Wallet dovrebbe arrivare nelle prossime settimane.


  • Wear OS: più dispositivi, più app, più servizi. Google dice che con il lancio della piattaforma unificata in collaborazione con Samsung il numero di smartwatch Wear OS sul mercato è più che triplicata rispetto all'anno scorso. Più avanti nel corso dell'anno arriveranno diversi altri orologi da aziende come Fossil, Mobvoi, Montblanc, Samsung stessa e altri ancora. Inoltre:


  • Google Assistant è in arrivo sui Galaxy Watch. Per la prima volta, aggiunge la società. Si inizierà con la gamma Galaxy Watch 4, che è attualmente l'unica di Samsung basata su Wear OS. Assistant, tra l'altro, è stato ottimizzato e promette di essere più veloce e naturale nelle interazioni vocali.

  • Molte app in arrivo. Già ora sono disponibili quelle per Spotify, Adidas, Line e KakaoTalk, più avanti quest'anno arriveranno anche da SoundCloud e Deezer.


  • Allerta e SOS: il servizio di allarme terremoti si espanderà in nuovi mercati - "tutti quelli a elevato rischio sismico", dice Google. Vale la pena ricordare che il servizio è già live in 25 Paesi. Inoltre, Google ha detto di aver iniziato a collaborare con i propri partner per portare l'app SOS che ormai conosciamo su smartphone anche su smartwatch.


  • Tablet: ora tocca alle app. Google ribadisce il proprio impegno nel supporto dei dispositivi con lo schermo grande, un cambio radicale di passo visto inizialmente con Android 12L e continuato con le prime build sperimentali di Android 13. Il numero di utenti attivi è cresciuto oltre i 700 milioni. La società promette che nel corso delle prossime settimane oltre 20 app Google verranno aggiornate con un'interfaccia ottimizzata per tablet, e dice che sta collaborando con partner di prim'ordine per aiutarli a fare lo stesso. Tra i nomi citati ci sono quelli di Facebook, Zoom, TikTok "e molti altri".


  • Esperienze multi-dispositivo: Google promette che il suo protocollo Cast sarà presto compatibile con molte più classi di prodotti e di molti più brand. Vengono citati Chromebook, tablet e perfino automobili. Debutterà inoltre l'esperienza di copia-incolla multi-device, così che se copio un URL, uno screenshot o qualsiasi altro elemento sullo smartphone potrò incollarlo, per esempio, sul tablet. Anche il protocollo Fast Pair, che permette di collegare rapidamente e senza complicazioni i dispositivi Bluetooth, è destinato a espandersi significativamente nei prossimi mesi e comprenderà anche il protocollo Matter di cui abbiamo parlato in questo articolo dedicato. Phone Hub, inoltre, permetterà di mostrare tutte le conversazioni dal proprio Chromebook.


#Google #Android13 #I/O2022


Post recenti

Mostra tutti